Heatwave ha costretto Google e Oracle a spegnere i computer

Martedì, mentre le temperature record hanno raggiunto gran parte del Regno Unito, i giganti della tecnologia Google e Oracle hanno subito interruzioni a causa di guasti ai sistemi di raffreddamento nei data center di Londra.

I data center sono grandi edifici altamente sicuri che ospitano banche di computer e sono le centrali di molti servizi online.

Ma la potenza di calcolo concentrata genera calore così potente che il raffreddamento è essenziale.

Entrambe le società affermano che i problemi sono stati risolti.

Oracle, una grande azienda americana di software e tecnologia per database, ha segnalato problemi di surriscaldamento poco prima delle 16:00 BST.

“A seguito di temperature insolitamente elevate nella regione meridionale del Regno Unito (Londra), due unità più fredde nel data center hanno subito un guasto quando è stato richiesto di funzionare al di sopra dei limiti di progettazione”, ha scritto la società in una pagina di stato individuata per la prima volta da The Register.

“Di conseguenza, le temperature nel data center hanno iniziato a salire, causando l’arresto di alcuni sistemi come misura protettiva”.

La società ha affermato che il problema è stato risolto, in un aggiornamento pubblicato poco dopo le 10:00 BST di mercoledì.

Mentre la Gran Bretagna ha cotto, il surriscaldamento ha colpito anche un data center di Google Cloud a Londra.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.