I maker SOLLEVANO LA DIGITALIZZAZIONE

I produttori del nord-ovest sono incoraggiati ad accelerare la ricezione dell’innovazione per cambiare in base alle difficoltà monetarie intorno alla rete dei negozi, ai costi energetici, al post-Brexit e al Covid.
Made Smarter, lo sviluppo che associa le aziende produttrici del Regno Unito a strumenti computerizzati, ha diretto uno studio su quasi 200 produttori di PMI nel nord-ovest.
I risultati hanno mostrato cosa hanno significato per loro gli ultimi due anni e il loro modo di affrontare la digitalizzazione e le esigenze future.
La panoramica è stata scoperta mentre molti (35%) dei creatori, in particolare le organizzazioni più modeste, si concentrano sulla resistenza dopo alcuni anni tempestosi, realizzare lo sviluppo sviluppando ulteriormente l’efficienza e abbracciando le innovazioni informatiche sono fattori chiave per le PMI.
Due produttori su cinque (38%) hanno scoperto di avere in programma di investire risorse o intraprendere nuove innovazioni negli anni successivi. Nel frattempo, uno su tre intervistati ha affermato che il proprio sistema aziendale più recente includeva il coordinamento dell’innovazione computerizzata o una guida alla robotizzazione.
Donna Edwards, responsabile del programma di accoglienza Made Smarter nel nord-ovest, ha dichiarato: “I produttori di PMI hanno attraversato un paio di anni difficili e continuano ad affrontare un gran numero di sfide di recupero.
“Sanno che l’innovazione porta enormi vantaggi e rischiano di essere abbandonati non sfruttando le porte aperte offerte. In ogni caso, è altrettanto certo che hanno bisogno di supporto e consulenza per fare una guida al cambiamento informatizzato per consentire loro di abbracciare il diritto dispositivi avanzati, in modo continuo ed economico, per cercare di non giocare d’azzardo con seduti intorno, denaro contante e fatica.”

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.