Shanghai annuncia un piano per far progredire la tecnologia di guida autonoma e prevede che il mercato delle auto intelligenti raggiunga i 72 miliardi di dollari entro il 2025.

Il governo chiede alle imprese e alle istituzioni di aumentare la ricerca e lo sviluppo su diverse importanti tecnologie.
Entro il 2025, il piano prevede che il 70% delle auto di nuova produzione avrà capacità di guida autonoma.

Per alimentare un settore ad alto potenziale di crescita che può generare 500 miliardi di yuan (72 miliardi di dollari) di valore economico entro il 2025, Shanghai sta raddoppiando le auto intelligenti e, in particolare, la tecnologia di guida autonoma.
Lunedì l’Ufficio generale del governo popolare municipale di Shanghai ha presentato un nuovo piano che chiede alla città di compiere “progressi significativi nella ricerca e sviluppo delle tecnologie di base” e di raggiungere “l’autosufficienza delle apparecchiature di base” al fine di creare un ” sistema di innovazione e sviluppo leader a livello nazionale” per le auto intelligenti.

Secondo il piano, i sistemi senza conducente di livello 2 (L2) e di livello 3 dovrebbero essere standard su oltre il 70% dei veicoli prodotti entro il 2025, mentre i sistemi L4 dovrebbero essere implementati solo in “determinate aree e scenari”.

Attualmente, la maggior parte dei veicoli intelligenti sulle strade continentali è classificata L2 o L2+, il che richiede che il conducente sia sempre consapevole e pronto a prendere il controllo. L4 si traduce in un’operazione “a occhi chiusi”, mentre L3 è spesso considerato un sistema “senza mani”.
La strategia richiede che una serie di tecnologie chiave, tra cui chip per uso automobilistico, algoritmi di intelligenza artificiale, componenti radar laser, sistemi operativi di bordo, piattaforme informatiche intelligenti e sistemi steer-by-wire, siano ulteriormente ricercate e sviluppate da aziende e istituti di ricerca della città.

Gli osservatori collocano l’attuale mercato di Shanghai per le auto intelligenti a meno di 100 miliardi di yuan.
Secondo il piano, che non prevedeva un importo, il comune si impegna ad aumentare il sostegno politico di Shanghai per lo sviluppo della guida autonoma offrendo alle imprese vari fondi governativi di orientamento e assistendole nell’ottenere incentivi finanziari e politici dal governo centrale.

La dimensione del settore potrebbe raggiungere trilioni di yuan, secondo Phate Zhang, fondatore del sito di notizie di veicoli elettrici con sede a Shanghai CnEVpost. “I sistemi di guida autonoma che vengono sviluppati dalle case automobilistiche e dalle aziende tecnologiche ora sono tutte tecnologie preliminari”, ha affermato. L’assistenza del governo svolgerà un ruolo significativo nell’aiutare le aziende con sede a Shanghai a creare veicoli autonomi.
Nel più grande mercato automobilistico del mondo, Shanghai ha prodotto 2,83 milioni di veicoli nel 2021, ovvero il 10,7% della produzione nazionale totale. Shanghai è anche la sede della joint venture di General Motors con SAIC Motor e Gigafactory 3 di Tesla.
L’obiettivo del 70% di veicoli autonomi prodotti localmente entro il 2025 equivale a circa 2 milioni di veicoli all’anno.

Il piano fa parte di un’iniziativa più ampia delle autorità di Shanghai per rilanciare l’economia della città dopo un prolungato blocco del Covid-19 all’inizio di quest’anno e per far crescere il suo settore emergente dell’IA, che compete con quelli di Pechino e del polo tecnologico di Shenzhen.
Durante il blocco di due mesi in tutta la città terminato il 1 giugno, Shanghai, la “Motown” cinese, ha visto un calo della produzione e delle vendite di auto poiché importanti assemblatori come Tesla e SAIC Motor hanno sospeso le operazioni.

La prima mossa di questo tipo in un’area urbana centrale in Cina è stata effettuata alla fine di agosto, quando 12 strade per un totale di 29,3 chilometri sono state allestite come aree di prova per veicoli autonomi nella Nuova Area di Pudong, che considera le auto intelligenti una delle sue industrie principali.
Chen Jialin, sviluppatore statale e gestore di un parco industriale di Shanghai Lingang Marine Hi-tech Industry, ha affermato che la zona di libero scambio di Lingang è attivamente alla ricerca di una licenza dalle autorità nazionali per iniziare a testare servizi di taxi completamente senza conducente.

 

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.