Lotta in tribunale per quanto riguarda le vaccinazioni obbligatorie per i dipendenti federali

Martedì un avvocato dell’amministrazione ha testimoniato davanti a una corte d’appello federale che il presidente Joe Biden ha lo stesso potere di imporre un requisito di vaccinazione COVID-19 per i dipendenti del governo come le società commerciali hanno per il loro personale.

I giudici della corte d’appello, tuttavia, hanno messo in dubbio fino a che punto si estenda il potere del presidente, ipotizzando se lui o lei potrebbe imporre ai membri del personale di mantenere un peso corporeo sano specifico o vietare il fumo sul posto di lavoro.

È stata la seconda volta che la 5a Corte d’Appello del Circuito degli Stati Uniti ha ascoltato argomenti sulla questione. Il giudice del Texas è stato ribaltato da una giuria di tre giudici della stessa corte, che ha affermato il requisito Biden per i dipendenti del ramo esecutivo.

Ma l’intera corte d’appello, che conta 16 membri ora in sessione, ha ribaltato la decisione del collegio e ha deciso di riesaminare il caso. Non c’era lasso di tempo per la decisione del tribunale.

Secondo gli avvocati dell’amministrazione, il Civil Service Reform Act richiede che i lavoratori che non sono d’accordo con il mandato presentino le loro denunce a un comitato di revisione federale piuttosto che a un tribunale federale. L’amministrazione afferma inoltre che, in conformità con la Costituzione, il presidente ha lo stesso potere di imporre le vaccinazioni ai dipendenti come amministratore delegato di un’impresa a scopo di lucro.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.