Cervi che diffondono le zecche di Lyme nei cortili delle comunità suburbane

Sono molto adorabili mentre pascolano tranquillamente nel tuo prato. Tuttavia, un nuovo studio rivela che la sovrappopolazione di cervi dalla coda bianca negli Stati Uniti nordorientali può contribuire allo sviluppo dell’anaplasmosi e di un’altra malattia causata dalle zecche, la malattia di Lyme.

Secondo la ricerca, questi cervi, che ospitano le zecche che diffondono le due malattie, non sono più limitati alle regioni boschive e abitano frequentemente i cortili residenziali, aumentando il rischio di trasmissione.

I cervi stessi non rappresentano alcun rischio per la sicurezza pubblica. Tuttavia, Mullinax ha notato che le zecche dalle zampe nere (zecche di cervo) e le zecche a stella solitaria che trasportano diffondono Lyme e altre infezioni.

Un morso di zecca da un animale infetto può provocare la malattia batterica nota come malattia di Lyme. Risulta con sintomi tra cui eruzione cutanea, febbre, mal di testa e esaurimento. Può diffondersi al cuore, alle articolazioni e al sistema neurologico se non trattata. Segni e sintomi simili di anaplasmosi possono causare sanguinamento e insufficienza renale.

I cervi evitavano le zone residenziali durante il giorno ma si avvicinavano di notte, in particolare durante l’inverno, secondo i localizzatori. Gli animali dormivano spesso ai margini dei prati e nei cortili appartenenti a case e complessi di appartamenti.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.