Calciatore argentino catturato sulla scia di aver preso a pugni l’arbitro durante la partita

Un giocatore di football argentino è stato catturato dopo aver preso a pugni un arbitro donna nella parte posteriore della testa durante una partita tra Deportivo Garmense e Deportivo Independencia in un’associazione territoriale a Buenos Aires.
In interviste a fonti di informazione di quartiere, l’arbitro Dalma Magali Cortadi ha dichiarato di aver concesso fallo contro il giocatore della Garmense Cristian Tirone – – che una fonte della polizia e una fonte della Garmense hanno detto essere l’aggressore – – che poi ha iniziato a maltrattarla verbalmente.
Successivamente, Cortadi dice di aver scelto di mostrare un cartellino rosso a Tirone, quindi, tutto sommato, è corso dietro a Cortadi e l’ha colpita alla nuca, facendola cadere a terra.
Nel filmato dell’episodio, Tirone aveva bisogno di essere poi efficacemente allontanata da Cortadi da due delle sue autorità, prima di essere accompagnata fuori dal campo da alcuni poliziotti.
A causa dell’aggressione, Cortadi deve essere portata in una clinica vicina e, ogni volta che viene rilasciata, presenta una domanda di truffa contro Tirone.
ha tentato di contattare Tirone tramite la polizia, ma finora è stato inefficace.
La fonte della polizia ha riferito che Tirone è trattenuto in una questura di De La Gama, paese dove è avvenuta l’aggressione. Il giocatore è in incommunicado, ha detto la fonte, ed è normale che venga trasferito in Procura per dare la sua affermazione.
In un proclama, la Federcalcio argentina (AFA) ha dichiarato: “L’AFA rinuncia e censura l’attività del giocatore Cristian Tirone (Dip. Garmense) nei confronti dell’arbitro Dalma Cortadi, sopravvissuta a vere e proprie brutalità durante l’ultima parte della partita.
“Questa Camera, insieme al Consiglio federale, risolverà la questione e andrà nel frattempo con il giudice, rafforzando le regole su questo tipo di condotta che la nostra affiliazione non sopporterà.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.