“Una banana al giorno”: l’integratore di amido può ridurre il rischio di alcuni tumori ereditari

Uno studio internazionale ha scoperto che gli amidi resistenti potrebbero aiutare a proteggere le persone con un rischio elevato di tumori ereditari. Lo studio decennale ha anche riportato che l’integrazione di amido resistente ha ridotto i tumori in questo gruppo di oltre il 60%. L’effetto protettivo di questi amidi è durato almeno 10 anni dopo aver interrotto l’uso del supplemento. Tuttavia, alcuni esperti sono cauti nel consigliare integratori e suggeriscono di mangiare cibi vegetali interi per prevenire il cancro. Gli amidi resistenti (RS) sono carboidrati che passano non digeriti attraverso l’intestino tenue e vengono digeriti o fermentati , nell’intestino crasso.

Sono presenti negli alimenti a base vegetale tra cui fagioli, avena, cereali per la colazione, riso, pasta cotta e raffreddata, piselli e banane leggermente acerbe. La RS fa parte della fibra alimentare, nota per ridurre il rischio di cancro del colon-retto e molti altri malattie non trasmissibili. I ricercatori dell’Università di Newcastle e dell’Università di Leeds nel Regno Unito hanno scoperto che un integratore di polvere RS può aiutare a prevenire il cancro nelle persone con sindrome di Lynch.

Gli esperti hanno condotto uno studio multinazionale chiamato CAPP2 che ha coinvolto quasi 1.000 persone con sindrome di Lynch. Hanno somministrato ai partecipanti una dose di 30 g di RS per una media di due anni. L’integrazione non ha influenzato i tumori del colon-retto come previsto. Tuttavia, inaspettatamente, il suo potenziale protettivo era più evidente nel tratto digerente superiore, dove i tumori sono aggressivi e di solito non si manifestano precocemente.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.