I mercati asiatici sono in rialzo grazie ai dati USA sani e al sollievo post-Pelosi

Giovedì, i mercati asiatici hanno seguito un rialzo di Wall Street, supportati da dati economici e utili positivi. C’è stata una certa soddisfazione per il fatto che la Cina non si sia vendicata più severamente contro il viaggio di Nancy Pelosi a Taiwan nonostante i seri avvertimenti di Pechino. Dopo l’ennesima ondata di vendite innescata da nuove indicazioni di una domanda americana più debole, il petrolio è stato in grado di riprendersi in qualche modo poiché i principali produttori hanno annunciato un aumento della produzione, anche se modesto. I tre principali indici di New York sono aumentati dopo che un rapporto sul cruciale settore dei servizi statunitense ha mostrato un miglioramento a sorpresa, calmando le preoccupazioni su una possibile recessione nella prima economia mondiale.

Il rilascio delle statistiche sull’occupazione negli Stati Uniti venerdì offrirà l’istantanea più recente dell’economia e potenzialmente influenzerà la discussione della Federal Reserve sulla politica monetaria, che è al centro di tutta l’attenzione in questo momento. I mercati sono cambiati questa settimana poiché diversi membri della Fed si sono messi in fila per dire che parlare di tagli dei tassi il prossimo anno potrebbe essere esagerato e che sono ancora previsti ulteriori aumenti significativi dei tassi. Ciò è arrivato dopo che i commenti della scorsa settimana dal capo della banca Jerome Powell hanno indicato che il consiglio di amministrazione potrebbe iniziare ad allentare la sua campagna di inasprimento. “Dopo la riunione della Fed della scorsa settimana che ha aperto la possibilità di un ritmo di rialzo più lento, i mercati continuano a ‘correre al rischio’ nonostante il recente respingimento dei funzionari della Fed”, ha affermato Stephen Innes di SPI Asset Management.

 

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.