Le forniture globali di riso sono a rischio poiché il clima rigido ha colpito i principali esportatori

Il clima avverso nei principali fornitori di riso dell’Asia, compreso il più grande esportatore dell’India, minaccia di ridurre la produzione del più importante alimento di base del mondo e di esacerbare l’inflazione alimentare, che è già vicina ai massimi storici. Il riso ha sfidato la tendenza all’aumento dei prezzi dei generi alimentari negli ultimi anni, a causa dei raccolti eccezionali e delle grandi scorte presso gli esportatori, anche se il COVID-19, le interruzioni dell’approvvigionamento e, più recentemente, il conflitto Russia-Ucraina hanno reso più costosi altri cereali. Tuttavia, commercianti e analisti ritengono che il tempo inclemente nei paesi esportatori asiatici, che rappresentano circa il 90% della produzione mondiale di riso, cambierà la traiettoria dei prezzi. Secondo Phin Ziebell, economista agroalimentare presso la National Australia Bank, i prezzi del riso hanno un potenziale al rialzo a causa della possibilità di declassamenti della produzione nei principali paesi esportatori. “L’aumento dei prezzi del riso aggraverebbe le sfide già significative per l’accessibilità del cibo in alcune parti del mondo in via di sviluppo”, ha detto Ziebell a Reuters. Agricoltori, commercianti e analisti hanno detto a Reuters che piogge irregolari nella cintura del grano dell’India, un’ondata di caldo in Cina, inondazioni in Bangladesh e declassamenti della qualità in Vietnam potrebbero ridurre i raccolti in quattro dei primi cinque produttori di riso del mondo.

“Il riso è rimasto accessibile anche se i prezzi alimentari complessivi hanno raggiunto livelli record all’inizio di quest’anno”, ha affermato Shirley Mustafa, economista dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura. Ora stiamo assistendo a battute d’arresto legate al clima in alcuni paesi chiave produttori di riso, come India, Cina e Bangladesh, che potrebbero comportare una produzione inferiore se le condizioni non migliorano nelle prossime settimane”, ha aggiunto Mustafa. Secondo i dati del Secondo BV Krishna Rao, presidente di All India Rice Exporters, i principali stati indiani produttori di riso del Bihar, del Jharkhand, del Bengala occidentale e dell’Uttar Pradesh hanno registrato un deficit delle precipitazioni monsoniche fino al 45% in questa stagione. Associazione, questo ha comportato un calo del 13% delle piantagioni di riso quest’anno, che potrebbe comportare un calo della produzione di 10 milioni di tonnellate,

 

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.