I backup aziendali devono essere spostati dalle caselle locali per motivi di sicurezza

Al giorno d’oggi, le soluzioni scalabili basate su cloud sono molto apprezzate dai professionisti IT. I vantaggi del software pronto all’uso come servizio rispetto alle tecnologie concorrenti sono la sua convenienza, praticità e affidabilità.

Tuttavia, secondo Paul Evans, CEO di Redstor, una società britannica di gestione dei dati, il mercato ha ancora bisogno di un po’ di convinzione che il backup sul cloud sia una mossa saggia e sicura.

Redstor promuove oltre 40.000 clienti in tutto il mondo, oltre 400 partner e oltre 100 milioni di ripristini all’anno. Redstor è stato premiato come Hosted Cloud Vendor of the Year ai Technology Reseller Awards 2022 il mese scorso a Londra.

Le aziende dovrebbero rallegrarsi per la scomparsa delle scatole in locale perché riduce la probabilità che il ransomware venga utilizzato contro di loro o l’impatto di un incendio o di un’inondazione nel data center, ha detto Evans a TechNewsWorld.

SaaS è un meccanismo di distribuzione del software che offre alle aziende molta flessibilità ed efficienza finanziaria. Di conseguenza, è una scelta affidabile per molte strutture e settori aziendali. Grazie alla sua facilità d’uso, accessibilità utente, sicurezza e connettività estesa, è apprezzato anche dalle aziende.

Evans afferma che le tendenze SaaS di quest’anno continueranno a scuotere il mercato. Il prossimo anno, il 50% di tutti i carichi di lavoro, secondo Spiceworks Ziff Davis, sarà eseguito sul cloud.

Numerose aziende stanno lavorando a iniziative di migrazione cloud-first. Le aziende più colpite che cercano un’infrastruttura attraverso il modello e la struttura di eccellenza operativa (OpEx) per evitare investimenti iniziali significativi sono quelle più interessate.

Nel prossimo anno, ha affermato, “i dati diventeranno più cloud-native, soprattutto con il continuo aumento di Kubernetes, Microsoft 365, Google Workspace e Salesforce”.

L’ambiente di minaccia come forza trainante
Il mercato globale dei servizi gestiti, stimato in 239,71 miliardi di dollari nel 2021, dovrebbe espandersi a un tasso di crescita annuale composto (CAGR) del 13,4% da quest’anno al 2030, secondo Grand View Research. Molti fornitori di servizi gestiti (MSP) vogliono concentrarsi maggiormente sulla fornitura di un eccellente servizio clienti.

Contemporaneamente, i rivenditori a valore aggiunto stanno tentando di passare ai fornitori di servizi cloud. Evans ha notato che altri distributori stanno cercando di capire come integrarsi in modo efficace.

“Il quadro delle minacce, soprattutto sulla scia dell’invasione russa dell’Ucraina, è cambiato in modo significativo. Al contrario dei criminali intelligenti canaglia, il malware sponsorizzato dallo stato e la guerra informatica stanno diventando più importanti”, ha affermato.

Il settore privato deve agire e proteggere le sue “porte digitali” per proteggere le infrastrutture vitali, secondo il presidente degli Stati Uniti Joe Biden. Il capo dell’agenzia di intelligence, cyber e sicurezza del Regno Unito, Sir Jeremy Fleming, ha lanciato un avvertimento che gli attacchi sono imminenti perché il governo russo sta prendendo di mira istituzioni e organizzazioni da abbattere.

Le minacce non stanno solo diventando sempre più grandi e complicate. È evidente dalla varietà di attacchi ransomware che aziende di ogni forma e dimensione diventeranno progressivamente bersagli. Di conseguenza, sempre più aziende sceglieranno gli MSP per gestire le proprie iniziative di conformità, sicurezza informatica e IT, secondo Evans.

Ho parlato con Evans della capacità di Redstor e di altri fornitori di servizi di rafforzare le difese digitali in modo più dettagliato durante il nostro discorso.

 

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.