Il disavanzo commerciale di tre mesi senza precedenti tra Corea del Sud e Cina non è considerato un “cambiamento sistematico”.

Il secondo rallentamento dell’economia mondiale, segnalato dal governo di Seoul e dagli analisti, piuttosto che un immediato “cambiamento sistematico” nelle relazioni, spiega il deficit commerciale senza precedenti della Corea del Sud con la Cina a tre mesi.
Secondo i dati ufficiali pubblicati lunedì, il mese scorso il commercio della Corea del Sud con la Cina ha registrato un deficit di 570 milioni di dollari, dopo un deficit di oltre 1 miliardo di dollari a maggio e 1,2 miliardi di dollari a giugno. Prima di maggio, l’ultimo deficit commerciale della Corea del Sud con la Cina era in quell’anno.
Secondo il Ministero del Commercio, dell’Industria e dell’Energia, le esportazioni totali della Corea del Sud verso la Cina a luglio sono diminuite del 2,5% su base mensile a 13,2 miliardi di dollari, mentre le importazioni hanno raggiunto i 13,8 miliardi di dollari.

Secondo Kang Sung-jin, professore di economia alla Korea University, “Poiché la dipendenza commerciale della Corea dalla Cina è al momento molto elevata, il rallentamento del tasso di crescita economica della Cina ha portato a un rallentamento delle esportazioni, che a sua volta ha portato a un deficit commerciale e diminuzione delle esportazioni per la Corea”.
L’economia cinese è cresciuta solo dello 0,4% nel secondo trimestre rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, mentre l’economia della Corea del Sud è cresciuta del 2,9% da aprile a giugno.
Quasi il 25% di tutte le esportazioni sudcoreane va alla Cina, il che la rende il principale partner commerciale del paese.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.